You are hereHome / I Dintorni / Bagni di Lucca / Riserva Naturale Orrido di Botri

Riserva Naturale Orrido di Botri


L'Orrido di Botri è un'aspra ed imponente gola calcarea, con ripide pareti scavate in profondità dalle fredde acque del torrente Rio Pelago; il canyon si inserisce in un paesaggio appenninico caratterizzato da ambienti rupestri ed estese faggete, dominato dalle cime del monte Rondinaio e delle Tre Potenze che sfiorano i 2.000 metri di altezza.
L’origine di questo spettacolare canyon è da ricondursi a cause tettoniche, con crolli e fratture capaci di incanalare le acque. Nel territorio dell'Orrido di Botri vivono ancora oggi animali rari come l’aquila reale ed il lupo.
Le visite partono da Ponte a Gaio, unico accesso alla gola, dove si trova il centro accoglienza del Corpo forestale dello Stato e la biglietteria. A causa dei frequenti guadi e del fondo scivoloso, è obbligatorio l'uso del casco protettivo e sono consigliate calzature idonee, chiuse e allacciate. Per la tutela dell'ambiente naturale e per l'incolumità degli escursionisti, la Riserva è aperta da giugno a settembre.
Si entra nell'Orrido risalendo il letto del torrente: il percorso massimo consentito arriva al punto denominato Piscina percorribile in circa 4 ore a/r. È possibile usufruire su prenotazione del servizio di guida per gruppi di almeno 8 persone.
Per informazioni sulle modalità di visita rivolgersi all'Ufficio territoriale per la biodiversità di Lucca o direttamente al Centro accoglienza del CFS di Ponte a Gaio Tel 0583/800020.
 

Il tuo voto: Nessuno Media: 4.1 (8 voti)

Who's online

Ci sono attualmente 0 utenti e 4 visitatori collegati.